Bitcoin è davvero sull’Etereum? I sostenitori di Softfork BTC andranno a ETH?

Bitcoin ed Ethereum sono state a lungo le due crittocittà più popolari sul mercato. Mentre il Bitcoin è rimasto in cima alle classifiche, per la maggior parte del tempo l’Etereum è stata la crittovaluta che l’ha seguita. Questo, nonostante il fatto che un certo numero di altcoin abbiano preso un jab alla posizione di ETH nel corso degli anni. Spoiler – Nessuno è sopravvissuto a lungo.

A causa della persistenza del Politecnico

A causa della persistenza del Politecnico, anche la comunità è massiccia. È quindi ovvio che le comunità confrontano tra loro monete, effetti di rete ecc. Non sorprende quindi che anche il dibattito e la lotta tra BTC e ETH siano di lunga data.

Nel dibattito odierno, il tema della contesa è semplice, banale, ma non è chiaro – se il Bitcoin è sull’Etereum o no. Sebbene il dibattito in questione si fosse apparentemente allontanato dall’argomento al momento della stampa, lo stesso è stato riacceso dall’ultimo tweet di Peter McCormack.

Ora, McCormack ha da tempo affermato di avere una mente abbastanza aperta per capire e conoscere altri altercoin, nonostante sia egli stesso un sostenitore dei Bitcoin Era. Mentre molti lo hanno attaccato per il suo tweet, ha senso perché, ovviamente, Bitcoin non è su Ethereum. Nessuno dei due non esiste su Ethereum, ma da soli, separati da catene di blocco.

Prima di entrare nel dibattito, è bene sapere che il Bitcoin, come gettone del CER, ergo sulla catena di blocco dell’ETH, è in ascesa ultimamente. A titolo di esempio, il numero totale di Bitcoin sull’Etereum, al momento della stampa, valeva 1 miliardo di dollari aka 106k BTC.

Anche se il totale BTC bloccato su ETH ha superato i 100k

Anche se il totale BTC bloccato su ETH ha superato i 100k, ci sono diversi gettoni come WBTC, rBTC, hBTC, hBTC, tBTC, ecc. e ogni gettone varia nella costruzione e nella costruzione. L’argomento comune che può essere fatto qui è che nessuno dei Bitcoin è realmente su ETH perché, in realtà, sono solo IoUs.

Lo sviluppatore di Bitcoin Luke DashJr, tuttavia, è stato uno dei tanti a non essere d’accordo, dopo aver twittato,

„Non sono d’accordo. I Bitcoins possono essere sull’Etereum nello stesso modo in cui lo sono sugli scambi, liquidi, ecc.

La gente dell’Ethereum è stata veloce a dare una mano, e molti sono stati felici che il Bitcoin abbia finalmente trovato la sua strada verso la catena di blocco dell’Ethereum.

È interessante notare che, mentre la maggioranza delle comunità Bitcoin ed Ethereum discutevano su cosa sia giusto e quale sia la terminologia giusta, Vitalik Buterin, fondatore dell’Ethereum, si è fatto avanti per discutere un’idea azzardata. Un’idea in cui i minatori potrebbero, in un prossimo futuro, usare la forchetta morbida Bitcoin e „rifiutare i prelievi da indirizzi lato Bitcoin che non hanno validi ordini di iniziazione corrispondenti sul lato dell’Ethereum“.

Inutile dire che questo è stato l’ultimo fuoco di cannone nella battaglia in corso tra Bitcoin ed Ethereum.